giovedì 23 novembre 2017

Lofizzazione 4.0

Che non vuol dire poi un cazzo ma richiama cose che richiamano cose che poi alla fine nessuno capisce.

L'unico dato certo è che qui c'è il sito nuovo, che poi è quello vecchio (come era stato industrializzato al 3.0) ma con una grafica più figa.
Magari alcune cose funzionano di meno, pero acc! c'è la grafica nuova.

Considerando che il numero medio di visite è pari al qualcosa percento, alla fine è stato l'ennesimo modo di passarmi il tempo.

Vedete un po voi (chi?)

http://www.lo-ficomics.net/

martedì 24 ottobre 2017

Prigioni di carta

E proprio come ho detto nell'ultimo post, ("e non scriviamo mai", "e non esce mai niente", "e de chi e de li"), sono torna qui a dare notizie.
A breve uscirà il nuovo fumetto del Brucio, pronto appena in tempo (speriamo) per il BORDA FEST di Lucca. [qui il link alla pagina FB: https://www.facebook.com/BORDAFest/ ]

Diamo qui l'annuncio ufficiale del titolo: FUGA DA ALCATRAX

Lo troverete a breve sul sito ma forse troverete anche qualcos'altro di davvero sconvolgente....

Inoltre qui, proprio nel momento in cui stavo dicendo che questo è un anno sabbatico, si prevede una mostra alla Citè di Firenze, ma questa volta non sarà Lo-Fi Comics (o meglio non sarà solo) ma sarà una mostra incentrata su Fabio Monster (che poi sono io).

Ci ho pensato a questa cosa... sono più di 10 anni che facciamo sta vita, rinchiusi in prigioni di carta produciamo fumetti che non ho ancora bene capito chi legge e come. Abbiamo fatto molte mostre in questi anni, banchetti, esposizioni, pitture in diretta sul molo, disegni registrati nastro, proiezioni.
In tutti questi anni ho sempre agito a nome di Lo-Fi. Questa è la prima volta che metto il mio nome su una mostra.
Questo mi fa pensare....
Chissà, vorrà dire qualcosa o forse, più smeplicemente, non vuol dire niente....

E predicando incoerenza saremo lieti di sbagliare però ditemi voi come viver senza qualche sano "umano errare"
[Belli Cosi ‎– Torino Rock 'N' Roll Starz - 2001]

martedì 26 settembre 2017

Piccoli segnali da una galassia vicina

Qualche settimana fa il Seti Institute ha annunciato di avere registrato insoliti segnali radio provenienti da una stella appartenete alla costellazione di Virgo (per gli amici Ross 128). Non sanno ancora se si tratti effettivamente di un fenomeno naturale, ed in questo caso sarebbe la prima volta che si registra una cosa del cosa del genere, oppure la prova che una cività aliena avanzata sta cercando di cumunicare.

Nel caso fosse vera la prima ipotesi, sarebbe assolutamente normale: ci sono davvero tante cose che non conosciamo di questo universo assolutamente non a misura di uomo.

Nel caso fose la seconda ipotesi quella reale, state tranquilli, di certo non stanno cercando di comunicare con noi.

E meno male sennò ci mancano anche gli aGlieni che vengono qui a rubarci il lavoro.
Non mi stupirei che qualcuno riuscirebbe a dire anche questo.

Che poi, seriamente, cosa verrebbero a fare ? Sti qui che fi fanno miliardi di chilometri partendo dal loro remoto sistema (un po come fare a piedi dalla pianta a fossitermi per uno spezzino) per poi trovare questa situazione. Sicuramente si imbarazzerebbero.
Sempre ammesso che capiscano.
Magari non capiscono o non gliene frega assolutamente un belino e ci conquistano. Sarebbe forse la soluzione migliore va.

Comunque, a parte questo sproloquio ed il titolo, assolutamente fuorviante il cui unico scopo è quello di fare da esca per il lettore, arriviamo al dunque.

Direi che Lo-Fi Comics c'è. In realtà non lo so.

A parte alcune piccolissime cose, questo è stato per scelta un anno sabbatico. Sono state fatte delle cose e alcune sono anche in corso ma sinceramente non ho disegnato un belino.
Quindi non ci sono state pubblicazioni a parte l'ormai remoto Sbirranza 2, qualche banchetto e una serata.

Non siamo proprio fermi perche alcune cose stanno andando avanti.
Ad esempio stiamo producendo (notizia in anteprima mondiale) un video per i Satanic Youth, gruppo spezzino HC vecchia scuola che ci ha gentilmente chiesto questo favore. E noi lo facciamo volentieri.

Parteciperemo anche alla serata di chiusura dei fratelli della Baracchetta a Lerici, che il 30 Settembre ospiterà un estemporanea di pittura sul molo con il connubio di Mescaleros Crew, Lo-Fi Comics ed i fiorentini Three Faces e non da meno il Concerto di Brighéla.
Tutte le info qui: Festa di Fine Estate

Qui lo dico e qui lo nego ma di roba ancora da fare ce n'è. Sbirranza è a metà serie, devono uscire ancora due numeri.
Zoot (zombie cibernetico tenuto in vita da segnali PWM a duty cycle sporadico) in realtà ha ancora almeno 50 pagine di storia e verrà assolutamente pubblicato in 1 o 2 volumi (altra anteprima mondiale). Non si sa quando, e non lo so neanche io.
Il brucio DEVE (senno mi incazzo) pubblicare il suono nuovo fumetto che ormai è vecchio.
Il paese degli stronzi verrà ristampato, con altissima probabilità in un volume unico.

E quindi niente, cose in ballo ce ne sono, il 2018 io lo vedo già alle porte ma anche una soglia in cui queesto cadavere marcio ed ammuffito che è Lo-Fi Comics potrebbe continuare a marcire generando funghi e spore (che comunque se non si capisse è segno di nuova vita) oppure niente, ci siamo divertiti e vi salutiamo senza botto.

Tante cose da decidere, tante cose da valutare, Ross 128 ...



Ps. Il titolo è preso da qui, se a qualcuni interessa l'argomento: https://www.seti.org/signals-from-a-nearby-system

martedì 17 gennaio 2017

Sbirranza - Salamandre [Numero 2]

Titolo: Sbirranza - Salamandre [Numero 2]
Autore: Fabio Monster
1a Edizione: 05/12/2016
Pagine: 40
Produzione: Lo-Fi Comics, Mescaleros Crew

Continua la saga del giustiziere senza nome (che poi un nome in realtà ce l'ha).
E' SBIRRANZA e questa volta è tornato più incazzato che mai.

martedì 22 novembre 2016

Mantello - Volume 3

Titolo: Mantello - Volume 3
Autore: Champa
1a Edizione: 05/12/2016
Pagine: 56
Produzione: Lo-Fi Comics, Mescaleros Crew

Siamo giunti alla fine
del trittico dedicato al cavaliere oscuro.

Nella città che non dorme mai,
dove è sempre notte,
la minaccia verrà finalmente svelata.

Ma come l'inizio implica la fine, la fine stessa rappresenta un nuovo inizio....
Oppure semplicemente sparirà tutto

Dove è sempre notte,
nella città che non dorme mai.